#CycleHack Rome: abbattiamo le barriere che impediscono un ciclismo quotidiano

18 maggio , 2016 CycleHack

La CycleHack Rome che si svolge dal 24 al 26 giugno 2016 presso FAMO COSE Roma Makerspace unirà ciclisti, sviluppatori, designer, maker e curiosi che sono interessati alla progettazione collaborativa di un sistema urbano che abbatta barriere e trova soluzioni per rendere le nostre città più sicure e ciclabili.

LE BARRIERE URBANE

Le barriere che impediscono un ciclismo quotidiano variano da persona a persona, da città a città e da contesto a contesto.

Analizzando i vari scenari si possono distinguere 2 tipologie di barriere che impediscono un ciclismo quotidiano:

  • Le micro barriere riguardano problemi specifici come ad esempio la necessità di rendere più sicuro un incrocio particolare oppure il bisogno di trovare modi nuovi per poter portare la bici sui mezzi pubblici.
  • Le macro barriere invece hanno a che fare con aspetti più generali, ad esempio trovare nuove iniziative di promozione per convincere più persone a diventare ciclisti quotidiani oppure individuare modi per aumentare l’empatia reciproca tra tutti gli utenti della strada.

 

LE IDEE PER LE CYCLEHACK

Per capire le diverse tipologie di idee sulle quali i partecipanti possono lavorare durante la CycleHack Rome abbiamo individuato 5 categorie di cyclehack:

DIGITAL CYCLEHACK

Può essere un’app, un software per il ciclismo, un modo per raccogliere o rendere accessibile dati.

EVENT/CAMPAIGN

Può essere un’idea per una campagna di comunicazione oppure un evento di sensibilizzazione programmato per il post CycleHack.

LOCAL PLAN

Può essere un’idea di intervento per migliorare o rendere più sicuro un’area oppure una strada specifica del quartiere/della città.

PRODUCT OR SERVICE

Può essere un servizio o un prodotto che sarà prototipato nel weekend, come ad esempio una segnaletica stradale, un gadget per la bici oppure un nuovo servizio dedicato al mondo della bici.

POLICY

Può essere una proposta politica, un manifesto oppure la stesura di principi progettuali di un’idea. Potrebbe essere un manifesto che propone delle guideline per promuovere un ciclismo sostenibile oppure una scheda d’iscrizione per negozi “bike-friendly”.

ALCUNI ESEMPI DELLE CYCLEHACK PRECEDENTI

URBAN SURVIVAL PACKAGE

Cos’è? Un sistema di segnaletica a LED e suoni per alertare, indicare cambi di direzione e navigazione senza dover staccare le mani dal manubrio.

Urban Survival Package from Matt on Vimeo.

 

RECGUARD

Cos’è? Un parafanghi Open Source che può essere costruito con materiale di riciclo nel momento del bisogno.

RECGUARD

 

PENNY IN YO PANTS

We love bikes. We love skirts. But sometimes these two don’t mix well.

Un problema prevalentemente tutto feminile: la gonna e la bici. Ma grazie al CycleHackGlasgow 2014 questo problema è superato, da ora in poi vi serve solo una moneta e un elastico ed ogni gonna diventa “ciclabile”.

Penny In Yo’ Pants: The Prototype from Penny in Yo’ Pants on Vimeo.

 

HANDBAG STRAP

Cos’è? Una tracolla adattabile a tutti i tipi di borse per impedire che la borsa scivoli dalla spalla o si sposta continuamente sulla schiena.
handbag

VELO SCAPE

Cos’è? Una mash-up web application che traccia e usa dati sul ciclismo su OpenStreetMap (OSM) per informare ed alimentare un dibattito per trovare e promuovere nuove policy per il ciclismo urbano.

 

Per vedere altre interessanti #cyclehack, navigate l’Open Source Catalogue.

Condividi su: